Tu sei qui

Zina Maioli

Nell’agrodolce ricordo delle miei origini siciliane ritrovo a volte la ragione del mio essere essenziale, diretta, a volte aspra ma vulnerabile come quella terra.

Amo le questioni di principio e le battaglie perse. Mì risuonano ancora nella memoria le parole di mia nonna: Ammatula ca t’allisci e fai cannola picchì u santu è di marmuru e non sura! ( è inutile che preghi e accendi ceri perchè il santo non fa miracoli) …

E’ difficile lo so, ma mi piace coltivare speranze belle e immaginare un “giusto” fine anche quando non c’è…
Sono una donna di altri tempi come mi definirebbe il mio amico del cuore, amo l’arte, la musica, gli animali, passioni un po' demodè…ma l’assolo di Slash in “November Rain mi commuove come il “Nessun Dorma”-dalla Turandot…

Che ci faccio qui? Vorrei incontrare altri sognatori di “ventura”, che non si sono arresi …convinti che alla fine “un gregge di pecore si possa trasformare in un esercito di saraceni.”